“Sentieri Fioriti”

Il Dott. Bach ad una conferenza sui Rimedi Floreali disse: “I risultati ottenuti sono tanto meravigliosi da aver superato ogni aspettativa, anche da parte di chi segue il metodo.”

da The original Writings of Edward Bach


Con l’assunzione dei rimedi floreali “Fiori di Bach” spesso l’ultima ad accorgersi dei benefici è la persona che li sta utilizzando, le prime sono le persone che sono più vicine.

A volte siamo così abituati a considerare ciò che non va, che spesso quando uno stato d’animo si armonizza o come solitamente si è abituati a dire “si normalizza”, non lo notiamo.

Ricordiamo che è importante guardare i passi avanti che si compiono, le situazioni che si superano, le emozioni negative che si sciolgono, questo non vuol dire che non ci saranno altri passi avanti da compiere, altre situazioni difficili da superare, altre emozioni negative da armonizzare, ma significa che abbiamo degli strumenti validi, che ci possono aiutare e sostenere nel nostro cammino, e percorrere un “Sentiero fiorito” fa molta differenza…

Mariella

Paura di perdere il controllo?

Vi è mai capitato di sentire una così grande pressione emotiva interna, paragonabile ad una pentola a pressione che ha bisogno di far uscire il vapore in eccesso, utilizzando la valvola di sfiato altrimenti “esplode”?

Questa è una delle sensazioni più riconosciute dalla persona che ha bisogno del rimedio “Cherry Plum”, il rimedio dei Fiori di Bach che dona “Distensione e padronanza della mente” facendo attenuare la pressione emotiva interna.

Mariella

Tratto dal sito del Bach Centre:

Cherry Plum è uno dei rimedi del gruppo che il Dott. Bach ha definito per la ‘Paura’.

La paura di tipo Cherry Plum è molto specifica ed è la paura che si stia perdendo il controllo di se stessi e che si possa fare qualcosa di orribile, come far del male ad altri oppure contemplare il suicidio.

Cherry Plum è anche il rimedio da usare qualora si sia già perso il controllo, proprio per la paura e il panico deliranti associati a questo stato (basti pensare alla paura di un bambino piccolo che urla in un momento di rabbia irrazionale). Anche la paura di impazzire e di agire irrazionalmente fanno parte delle paure di tipo Cherry Plum.

Cherry Plum è uno degli ingredienti del tradizionale rimedio di soccorso.

Il Dott. Bach scriveva: “Essendo la mente la parte più delicata e sensibile dell’organismo, in essa compaiono più chiari che nel resto dell’organismo la genesi e lo svolgersi della malattia. Si utilizza, dunque, l’osservazione della mente come guida per conoscere i rimedi necessari”.

cherry-plum-blossom.jpg

Descrizione

Paura che la mente si sovraccarichi, di perdere la ragione, di fare cose spaventose di cui si temono le conseguenze, cose non volute e che si sanno sbagliate, eppure assale il pensiero e l’impulso di farle.

Dott. E. Bach – I Dodici Guaritori e altri rimedi

Fiore di Bach Cherry Plum (Mirabolano Rusticano)

Io sono Cherry Plum e ti dono

“La distensione e la padronanza della tua mente.”

cherry-plum-flower

Cosa siamo in realtà?

Ci hanno insegnato che siamo Materia, ma hanno tralasciato un dettaglio fondamentale: la Materia è Energia!
Se partiamo da questo concetto, cambia tutto il modo di vedere noi stessi, la nostra essenza e ciò che ci circonda…

Forse partendo da questo concetto, possiamo anche comprendere come i rimedi energetici, quelli che utilizzano le energie sottili, sono quelli più in sintonia con il nostro corpo.

Mariella

Max Plank il padre della fisica quantistica afferma:
“La materia non esiste, tutto è vibrazione!”

Inoltre nel 1944 pochi anni prima di morire scrisse: “Avendo consacrato tutta la mia vita alla Scienza più razionale possibile, lo studio della materia, posso dirvi almeno questo a proposito delle mie ricerche sull’atomo: la materia come tale non esiste! Tutta la materia non esiste che in virtù di una forza che fa vibrare le particelle e mantiene questo minuscolo sistema solare dell’atomo. Possiamo supporre al di sotto di questa forza l’esistenza di uno Spirito Intelligente e cosciente. Questo Spirito è la ragione di ogni materia.”

Fonte: Max Planck, da un discorso che ha fatto a Firenze nel 1944, dal titolo “La natura della materia” (The Essence/Nature/Character of Matter) Quelle: Archiv zur Geschichte der Max-Planck-Gesellschaft, Abt. Va, Rep. 11 Planck, Nr. 1797.

contatto-1.jpg

Difficoltà nell’individuare il tuo rimedio?

“Se hai qualche difficoltà nel trovare il tuo personale rimedio, ti sarà di aiuto chiederti quali sono le virtù che ammiri di più in altre persone, o verso quali difetti negli altri provi maggiore avversione perché alcuni dei difetti che sono ancora dentro di noi, e soprattutto quelli che stiamo provando a sradicare, sono quelli che detestiamo di più nelle altre persone.”

Semplicità, Umiltà, Compassione.

Edward Bach

14805437_10210952434957482_206758805_n

I bambini stancano?

Voi mi dite: «Siamo stanchi di stare con i bambini».  Avete ragione.

E dite ancora: «Perché dobbiamo abbassarci al loro livello. Abbassarci, chinarci, piegarci, raggomitolarci».

Vi sbagliate, non questo ci affatica, ma il doverci arrampicare fino ai loro sentimenti.

Arrampicarci, allungarci, alzarci in punta di piedi, innalzarci. Per non ferirli.

Janusz Korczack

Pedagogo, scrittore e medico polacco

bambini.jpg

Semplice, Umile, Compassionevole, il medico che tutti vorremmo…

Il 24 settembre 2016 si celebrerà in tutto il mondo la Giornata Mondiale della Floriterapia.

La scelta di questa data è legata all’anniversario della nascita di Edward Bach, padre e pioniere della floriterapia.

Per il Dott. Bach un buon guaritore, doveva possedere queste 3 qualità: Semplicità, Umiltà, Compassione. Passava ore a parlare con i suoi pazienti in ospedale, perché dava molta importanza alla persona e non solo alla malattia.

Mi sembra doveroso in questo giorno, dare spazio alle sue parole.

Egli affermava: “Sappiamo che, sin dai tempi più antichi della storia le erbe sono state usate come rimedi guaritori… Non è la malattia ad essere impostante: è il paziente, il modo in cui lui o lei ne è afflitto che sarà la nostra vera guida nella cura… Tutti sappiamo che la stessa malattia si può manifestare in ognuno di noi in modi differenti: se Tommy prende il morbillo, può diventare irritabile, Sissi può essere silenziosa e assonnata, Johnny vuole essere coccolato, il piccolo Peter può essere nervoso e spaventato, Bobbie vuole essere lasciato solo, e così via…Ora se la malattia sortisce degli effetti così differenti, non ha senso trattare solo lei; è meglio trattare Tommy, Sissi, e Johnny e Peter e Bobbie, guarire ciascuno di loro e dire addio al morbillo… lo stato d’animo del piccolo è la giuda più sensibile per sapere di che cosa ha bisogno quel particolare paziente”

tratto da “Le conferenze di Wallingford” Dott. Edward Bach

Questo sistema di guarigione, che è stato divinamente rivelato a noi, dimostra che sono le nostre paure, le nostre preoccupazioni, le nostre ansie ad aprire il percorso all’invasione della malattia. Trattando le nostre paure, le nostre preoccupazioni, ecc., non solo liberiamo noi stessi dalla malattia, ma (…) siamo più felici e stiamo meglio con noi stessi

Da “I dodici guaritori ed altri rimedi” di Edward Bach

bach.jpg

Disagi con l’inizio della scuola?

Immagine1.pngSe i nostri figli vivono con disagio l’inizio della scuola, piccolo o grande che esso sia, diamogli un sostegno, un aiuto efficace con rimedi naturali come i Fiori di Bach.

In questo articolo ci focalizziamo sui bambini e ragazzi, perché è imminente l’apertura delle scuole, e anche se è un “normale” impegno, si possono manifestare o acutizzare alcuni disagi, come ad esempio il timore di un nuovo ambiente per chi comincia una nuova scuola, la fatica ad adattarsi a nuovi compagni e nuovi insegnanti per chi comincia un nuovo ciclo, la difficoltà specialmente per i più piccoli a distaccarsi dai genitori e soprattutto dalla mamma.

I bambini timidi, paurosi, oppure con poca autostima, possono essere aiutati dai rimedi, a sviluppare coraggio e fiducia nella proprie capacità per affrontare serenamente nuove esperienze, come i bambini irruenti e frettolosi, con molta energia, possono ritrovare la calma nell’agire.

L’impiego dei fiori di Bach sui bambini e ragazzi è del tutto naturale, sicuro e da ottimi risultati in tutte le fasi della crescita, durante le quali si possono manifestare difficoltà emotive. Questo perché le strutture della personalità del bambino oppongono minore resistenza all’azione dei fiori, rispetto ad un adulto.

La scelta dei fiori per i bambini, avviene nello stesso identico modo che negli adulti.

Non preoccupiamoci per i nostri figli, occupiamoci di loro in qualità di loro genitori, di adulti che cercano e trovano mezzi utili per alleviare i loro disagi, in questo modo, saremo i primi ad essere più felici.

Mariella

Immagine1.png

 

Alle sorgenti dell’essere

La pausa estiva, che spesso ci porta lontani dalla routine e dalla frenesia della quotidianità nella quale viviamo, ci offre la possibilità di apprezzare le piccole cose, ed è così che possiamo comprendere quanto in realtà siano grandi.

Ripropongo queste righe che ho già pubblicato in una pagina del mio blog, ma che mi sembrano sempre adatte per ogni “inizio”.

Il mio blog ha un nuovo indirizzo: https://fioridibachmariella.com

Mariella


Risveglio

Qualunque fiore tu sia,
quando verrà il tuo tempo, sboccerai.
Prima di allora, una lunga e fredda
notte potrà passare. Anche dai sogni
della notte trarrai forza e nutrimento.
Perciò, sii paziente verso quanto ti accade
e curati e amati, senza paragonarti
o voler essere un altro fiore,
Poiché non esiste fiore migliore
di quello che s’apre alla pienezza
di ciò che è. E quando ti avverrà,
potrai scoprire che andavi sognando
di essere un fiore che aveva da fiorire.

dal libro “Alle sorgenti dell’essere”
di Walter Gioia

14138415_10210441547985627_215408640_n (1).jpg

L’esperienza Yoga – Meditazione guidata

Descrivere l’esperienza di una lezione yoga non è semplice, soprattutto perché lo yoga è da ascoltare più che da raccontare. Ascoltare ciò che sentiamo dentro di noi. E’ come quando ascoltiamo un brano di musica, nessuno proverà le stesse sensazioni di un’altra persona, ed è così anche per lo yoga e per la meditazione.

Lezione di yoga all’aperto

Mattina presto con il gruppo Yoga in spiaggia, in riva al mare, il rumore delle onde quasi inesistenti sembra un delicato mantra, che tranquillizza la mente.

La lezione di yoga in riva al mare, crea un’energia particolare, è anche una mia sensazione, visto che il mio elemento è l’acqua…

Dopo aver eseguito il saluto al sole (Surya Namaskara), una delle tecniche di respirazione (Pranayama), e alcune posizioni yoga (Asana), passiamo alla fase finale della lezione che si conclude con la posizione di rilassamento profondo (Savasana) per poi entrare nella meditazione guidata.

La meditazione guidata potrebbe essere paragonata ad un sogno, durante il quale siamo consapevoli di sognare, e che ci permette di osservare, ma soprattutto “sentire” le emozioni che proviamo, con una mente più rilassata.

A cosa può servire tutto questo? Anche a conoscere noi stessi, ciò che siamo in realtà e non ciò che crediamo di essere…

Condivisione di una meditazione guidata

Sono distesa in spiaggia, vengo avvolta da una sfera trasparente nella quale mi metto seduta e dalla quale mi lascio sollevare e portare verso il mare, delicatamente la sfera si poggia sull’acqua e nel mentre si immerge con me, scompare.

L’acqua del mare è scura come se non fosse illuminata dai raggi del sole, nuoto verso il fondale molto profondo, e vengo affiancata da un grosso pesce dai colori stupendi che vanno dal rosso-arancio intenso della testa, fino a sfumare nella tonalità del giallo della coda, con la mano destra aggancio la sua pinna dorsale e mi lascio trasportare verso gli abissi; man mano che scendiamo, l’acqua diventa sempre più chiara, prima blu, poi azzurra, poi celeste e infine quando vedo il fondale, sembra completamente trasparente. Si vede quella che sembra una grotta, molto scura nel lato esterno, entrando nel suo interno, è invece di una luce quasi abbagliante, visto che è completamente di cristallo bianco non uniforme, con mille sfaccettature che creano mille scintillii luminosissimi. Cerco qualcosa e poggiato a terra, al centro della grotta, c’è un grosso cristallo bianco a forma di cuore quasi sferico, non piatto, anche questo cristallo ha mille sfaccettature che creano scintillii estremamente luminosi, lo prendo e lo porto con me poggiandolo sulla mano destra completamente aperta, perché la sua dimensione non mi permetteva di stringerlo nella mano, ed esco.

Il mio accompagnatore mi aspettava fuori dalla grotta, e mi riporta in superficie sempre permettendomi di agganciare la sua pinna dorsale, dopodiché mi lascia immergendosi e scomparendo nel mare. Una volta sola, guardo il cristallo a forma di cuore e con entrambe le mani lo stringo al centro del petto e viene inglobato completamente.

Mentre sono ancora in acqua, arriva un enorme uccello preistorico, precisamente il pterodattilo, con grosse ali e lungo becco, mi fa salire sulla sua schiena e mi porta su una spiaggia bianchissima in un paesaggio tropicale, dove il mare è di un azzurro che si fonde all’orizzonte con il cielo… ecco raggiunta la meta.

meditazione-guidata-e-ritiro-rigeneratore-00177179-001